top of page

Le 10 cose da non perdere tra Cape Town e il Capo di Buona Speranza


Stai pianificando un viaggio in Sud Africa? Facendo base a Cape Town e noleggiando un’auto si possono organizzare delle bellissime escursioni giornaliere in tutta la zona del Capo, magari percorrendo anche un tratto della leggendaria Garden Route, la strada costiera più famosa del Sud Africa.



"The secret of getting ahead is getting started". Mark Twain

Scopri con noi le 10 attività che abbiamo selezionato dal nostro itinerario:


1. Inizia l’esplorazione di Cape Town immergendoti nella gioiosa atmosfera del Waterfront, la zona portuale della città che ospita un piccolo centro commerciale e numerosi stand che offrono diverse proposte per tour giornalieri e attività varie (se siete temerari potete perfino spingervi in una shark cave per osservare i grandi squali bianchi). Dopo esserti orientato non dimenticare di immortalare uno scatto ricordo davanti alla grande cornice posizionata con vista panoramica sulla Table Mountain. Acquistati i souvenir di rito avventurati per in una passeggiata lungo il bel sentiero costiero che inizia proprio di fronte al centro commerciale. Se cerchi un posticino per cena e sei amante della carne ti suggeriamo il City Grill, un posticino tranquillo proprio al Waterfront in cui gustare tagli di animali esotici alla brace


2. Assapora la Cape Town più autentica passeggiando per Bo Kaap, il quartiere malese ai piedi di Signal Hill famoso per le sue casette dai vivaci colori


3. Partecipa ad un tour guidato a Robben Island per conoscere la triste storia dell’apartheid (http://www.robben-island.org.za). Oggi l’isola è inserita tra i siti patrimonio dell’umanità dell’UNESCO; qua venne tenuto prigioniero anche Nelson Mandela (se vuoi approfondire la sua storia e leggere le numerose descrizioni autobiografiche del periodo della prigionia ti consigliamo di leggere “Lungo cammino verso la libertà”).

Camminando per le vie di Cape Town è ancora vivido il ricordo nero di questo periodo, come le panchine originariamente destinate alla sola popolazione bianca, ancora visibili appena fuori dal Company Garden


4. Se le condizioni meteorologiche lo permettono, sali in cima alla Table Mountain per una vista mozzafiato della città e della sua linea costiera. I biglietti della funivia si possono comprare anche online (https://www.tablemountain.net) e non è necessario prenotare in anticipo; una volta in cima si possono percorrere i diversi sentieri sulla cima pianeggiante. Il momento migliore è sicuramente l’alba ed il tramonto, quando la città è avvolta nella luce dorata. Spesso la vetta è avvolta dalla famosa “tovaglia” di nuvole che si genera quando l’aria umida che arriva dall’Oceano si scontra con la montagna condensandosi sulla cima


5. Meritano sicuramente una visita i bellissimi Kirstenbosh national botanical garden (https://www.sanbi.org/gardens/kirstenbosch/), tra i più grandi giardini botanici del mondo. I giardini si trovano sul versante Occidentale della table Mountain e ospitano più di 7000 specie vegetali differenti che si possono scoprire percorrendo i diversi sentieri in completa autonomia o optando per tour i diversi tour guidati disponibili


6. E’ giunto il momento di lasciare Cape Town e dirigersi a Sud e scoprire uno dei tratti costeri più affascinanti. Se ti piacciono gli animali una bellissima tappa intermedia potrebbe essere un’escursione in barca a Duiker Island per osservare una colonia di foche in mezzo all’Oceano. Dal molo di Hout Bay (circa 20 km direzione Sud da Cape Town) partono diverse escursioni giornaliere che possono essere acquistate direttamente al porto. Ricordati di portare una giacca anti-vento e uno snack salato.. le condizione del mare possono cambiare velocemente. Talvolta le foche arrivano anche al porto attratte da qualche pescatore che concede qualche pezzo di pesce


7. La tappa successiva è Simon’s Town dove si trova la colonia di pinguini di Boulders Beach. La spiaggia è stata attrezzata con delle passerelle di legno sospese che permettono di vedere i pinguini molto da vicino ma senza disturbarli eccessivamente. Se amate gli animali non cercare di interagire con loro e non uscire dalle passerelle: il rispetto della natura viene prima di tutto 8. Arriviamo finalmente al Capo di Buona Speranza. Il Capo venne raggiunto per la prima volta nel 1487 da Bartolomeo Diaz battezzandolo “Capo delle tempeste” e da sempre è stato protagonista di storie e leggende fantastiche come quella dell’Olandese Volante: un vascello fantasma destinato a solcare l’Oceano in eterno senza una destinazione precisa e senza possibilità di tornare a terra. Un ottimo libro di avventura che racconta la storia è “La vera storia dell’Olandese Volante” di Brian Jacques; l’episodio è anche ricordato da Sepulveda nel suo“Patagonia Express”.

Da qua partono una serie di sentieri che offrono scorci mozzafiato sulla costa e sulle scogliere sottostanti


9. Partecipa ad una uscita in barca per avvistare le balene a largo di Hermanus. Da Giugno a Settembre centinaio di Balene Franche Australi migrano verso il Capo di Buona Speranza avvicinandosi alla costa tanto che è possibile spesso avvistarle perfino da terra


10. Percorri un tratto della Garden Route o spingiti fino a Port Elizabeth


Per scoprire di più su questi luoghi, dai un'occhiata ai post sul Sud Africa del Settembre 2017 sulla nostra pagina Instagram @2intour

Vi sono piaciuti i nostri consigli? Leggi anche agli altri articoli e per più foto e video seguiteci sul nostro profilo Instagram @2intour






1 visualizzazione

Komentarze


bottom of page