Victoria Falls - the smoke that thunders

Clicca qua per la versione in italiano


Check out all the travel tips to discover the gorgeous Victoria Falls and the Zambesi river in Zimbabwe

"When you think positive, good things happen". Matt Kemp

The sight and the hearing. The beautiful and unforgettable memory of our travel to Victoria Falls it is not only about the exceptional dimensions of the World’s greatest curtain of falling water; it is rather a mix of feelings which recalls its original name: “Mosi-oa-Tunya" or “the smoke that thunders”.

If you are planning a trip or a quick stopover to Victoria Falls in Zimbabwe, here you can find the top 10 things to know for your adventure

  1. Where is Victoria Falls? Victoria Falls is positioned approximately half way along the Zambezi River, making a natural border between two African states: Zambia on the Eastern side and Zimbabwe on the Western side. Today Vistoria Falls is listed among the Seven Natural Wonders of the planet thanks to its giant curtain of falling water of 1708 m wide and with up to 500 million litres per minute descendings from its spectacular cataracts

  2. Why Victoria Falls? The name tells about a history of exploration and conquer, when the british explorer David Livingstone discovered it in 1855 naming it Victoria Falls in honour of his monarch, her majesty Queen Victoria

  3. Which side is the best? Both sides offer a footpath in the rainforest with some beautiful viewpoints of the Falls. Zimbabwe side is more scenographic to take pictures and embrace 75% of the waterfall curtain, while Zambia allows to get more close and to appreciate the waterfall also from the base

  4. When to go? The best period is between June and September when the dry season offers mild temperatures and sunny blue skies; the water level of the river decreases progressively because the lack of rains and the view of the Falls is more spectacular. Obviously it is all related to the amount of rains falling the previous months and the river level can vary from year to year. During the High-water season, especially between February ad April, the river is in full flood, the mist can hide completely the view of the cataracts and most of the water-based activities like canyoning or rafting are not possible. On the contrary during the Low-water season, especially on November and December the water levels drop drastically and instead of the waterfall you might be take shots of the bare rocks with just a trickle of water

  5. How to plan the visit of Victoria Falls National Park? The park has two main entrance gates, one in Zimbabwe from the small town of Victoria Falls (the one we choosed, with a ticket price of 30 USD per person) and the other one from the city of Livingstone in Zambia (cost 20 USD per person). The ticket covers a single-country entry and 2 footpaths are not directly connected; if you want to visit both you need to exit and enter again from the other gate, paying a new ticket. Guided tours are available and starts from the Visitor Centers but the park can be explored in complete autonomy: the path is almost flat and several viewpoints are clearly indicated. Take your time and consider at least half day to complete the trail which should give you enough time to enjoy the walk and to rest from time to time to take your shots

  6. Where to take the best shot? The majority of the viewpoints offer interesting opportunities but it mostly depends on the water level and the weather conditions. Our suggestion is to access the park early in the morning and head to the viewpoint number 6 for a suggestive shot of the Devils Cataract with the magic of a rainbow (most difficult to see later when the sun is higher). Another beautiful picture is from the viewpoint number 7 capturing all the power of the Main Falls

  7. How to protect the camera from the mist? If it is not the first time you try to take pictures of a waterfall you know that the mist and spray exposes your camera to a dangerous wet condition. An inexpensive and and easy solution if you have not a professional cover is to use a shower cap (usually included for free in the bathrooms of all the hotels). Just create a small hole in the center large enough to insert the lens inside, fix it with a rubber band and cover the rest of the camera with the shower cap

  8. What is the "Devil's pool"? The Devil’s pool is a small natural pool on the Zambiam side of the Zambesi river right on the edge of the Victoria Falls, accessibile with a short swim via Livingstone Island taking part of a guided official tour during the dry season (approx. between mid August and mid January depending the water levels). A rock lip that protrudes upward which prevents people from falling over the edge of the Falls

  9. What else in the nearby? We suggest you two other activities we really enjoyed during our stay:

Helicopter fly: absolutely the best view of the Falls and the gorge, to appreciate the marvel of the landscape from the height (from 150-200 USD per person)

Zambezi river sunset cruise (40 USD per person)


10. Where to stay? One of best hotels is Victoria Falls Hotel, with a beautiful coloniale style and a lovely garden, quite close to the main entrance of the Park. For us it was the ideal place to relax a bit at the end our African tour


To discover more about these places read, have a look to our posts and stories dedicated to Zimbabwe dated September 2017 on our Instagram page @2intour


Did you enjoy our article? Read the other articles and for more photos and videos follow our IG page @2intour

Rainbow in the Devils Cataract from viewpoint 7 of the Victoria Falls Natural Park in Zimbabwe
Rainbow in the Devils Cataract

Cascate Vittoria: come organizzare un viaggio nel luogo del "fumo che tuona"


Le Cascate Vittoria sono oggi tra le più grandi cascate al mondo, ma non sono solo le dimensioni che ci hanno affascinato durante il nostro viaggio lasciandoci un bellissimo ricordo indelebile. Piuttosto un groviglio di sensazioni che si spiega meglio se pensiamo al loro nome originario, quello vero, con cui il popolo Kalolo-Lozi le ha sempre chiamate: "Mosi-oa-Tunya", "il fumo che tuona". Perchè è l'unione di queste due sensazioni, la vista e l'udito, che insieme tracciano quel ricordo indelebile ed emozioni profonde.


Abbiamo raccolto le 10 cose più importanti da sapere prima di organizzare un viaggio in Zimbabwe a Victoria Falls e qualche consiglio utile per pianificare la vostra prossima avventura

  1. Dove si trovano? Le Cascate Vittoria sono originate dal fiume Zambesi e si trovano all'incirca a metà del suo lungo percorso, facendo da confine naturale per due stati dell'Africa meridionale; lo Zambia sul lato Orientale e lo Zimbabwe su quello Occidentale. Le cascate sono considerate dall'UNESCO come una delle sette meraviglie naturali del mondo anche grazie alle loro eccezionali diimensioni, con un fronte largo 1708 metri ed una portata che può arrivare fino a 500 milioni di litri al minuto!

  2. Perchè si chiamano così? Il nome attuale racconta una storia di conquista Occidentale e venne attribuito a seguito della scoperta del sito da parte dell'esploratore britannico David Livingstone nel 1855, in onore della regina inglese Vittoria

  3. Quale lato è migliore da visitare? L'accesso alle cascate può essere effettuato da entrambi i paesi, facendo base nella cittadina di Victoria Falls in Zimbabwe (come nel nostro caso, con un volo da Johannesburg) oppure da Livingstone in Zambia; entrambe le città hanno l'aeroporto ed i collegamenti sono buoni. E' possibile (anche nello stesso giorno) effettuare la visita alle cascate da entrambi i paesi ma è richiesto il visto ad entrambe le frontiere; se siete interessati potete già richiedere il multicountry pass visa (univisa) all'arrivo in aeroporto. I due versanti offrono viste e esperienze decisamente diverse: il versante Occidentale dello Zimbabwe è sicuramente il più scenografico ed offre diverse prospettive ad ampia veduta; quello orientale permette in alcuni casi letteralmente di tuffarsi nel fiume quasi sul bordo della cascata ed accedere al "Devil's pool"(vedi sotto)

  4. Quando si possono visitare? Tutto l'anno, ma il periodo migliore va alll'incirca da Giugno a Settembre. In questo periodo la temperatura è più mite, le giornate sono generalmente più belle e la portata d'acqua inizia a diminuire con l'arrivo dell'inverno, generando le condizioni migliori per fotografare il loro splendore. Nella stagione delle piogge il fiume è in"piena", specialmente tra Febbraio e la fine di Aprile, e la portata di acqua è talmente elevata che il vapore e la nebbia che generano le cascate rende talvolta impossibile vedere il fronte della cascata; al contrario tra Novembre e Dicembre la portata si riduce in maniera così considerevole che alcuni tratti risultano completamente asciutti e lo spettacolo è altrettanto inferiore

  5. Come organizzare la visita al Victoria Falls National Park? L'accesso al parco può esserre effettuato sia in Zimbabwe (come nel nostro caso, al costo di 30 USD a persona per i turisti stranieri) che in Zambia (al costo di 20 USD) ma attenzione: i due camminamenti non sono direttamente legati e per effettuare l'accesso da entrambe le parti è necessario uscire e passare la dogana. Il biglietto è valido per un solo ingresso quindi non potrete uscire e rientrare dal parco con lo stesso biglietto nemmeno in giornata. Sono disponibili visite guidate ma il parco si gira benissimo in autonomia; per il camminamento in Zimbabwe considerate minimo mezza giornata per fare tutto il giro prendendosi il tempo di scattare diverse fotografie. Oltrepassato il piccolo visitor center inizia un bel camminamento che costeggia il il bordo della cataratta e in alcuni punti atttraverso la foresta pluviale che fa parte del parco. Lungo il percorso sono presenti diversi punti panoramici in cui si possono osservare i 5 principali salti delle cascate

  6. Qual'è il punto migliore per fotografarle? In generale tutti i punti panoramici lungo il camminamento offrono interessanti prospettive e molto dipende dalla portata di acqua e dalle condizioni meteo. A noi è piaciuta particolarmente la vista dal viewpoint numero 7 sulle Main Falls. Consiglio: Al mattino presto ci sono le condizioni di illuminazione ideali per la formazione di numerosi arcobaleni, in particolare sulla Devil's Cataract (la prima che trovate entrando dall'ingresso in Zimbabwe) posizionandosi al viewpoint numero 6 del percorso

  7. Come proteggere la macchina fotografica? Se avete già visitato una cascata forse avrete notato che la macchina fotografica viene continuamente esposta a schizzi e vapore acqueo che oltre a bagnare l'obiettivo rischiano seriamente di comprometterne il funzionamento. Il nostro consiglio è di chiedere un paio di cuffie da doccia in Hotel, praticare un piccolo foro nel centro abbastanza grande da far uscire la parte finale dell'obiettivo e coprire il corpo macchina con il resto della cuffia, facendo entrare le mani sul lato aperto

  8. Che cos'è il "Devil's pool"? La pozza del Diavolo è in realtà una piccola piscina naturale che si è formata proprio in prossimità del salto della cascata sul versante dello Zambia e che può essere raggiunta con un tour operator locale attraversando un breve tratto dello Zambesi durante la stagione secca (indicativamente tra la metà di Agosto e la metà di Gennaio). Non si tratta di una attività particolarmente pericolosa se si seguono le istruzioni e ci si affida ad un tour ufficiale in quanto un muretto contiene l'acqua e permette di non cadere

  9. Cosa altro fare nelle vicinanze? Vi consigliamo due attività che ci hanno letteralmente rapito il cuore:

  • Sorvolo delle cascate in elicottero: il famoso "volo degli angeli". Solo dall'alto ci si rende veramente conto della grandiosità del fronte della cascata e la sensazione che si prova è indescrivibile (circa 200 USD a persona; il costo include anche il servizio taxi da/per hotel)

  • Crociera al tramonto sul fiume Zambesi (circa 40 USD a persona)

Oltre a queste se siete amanti degli sport estremi il lato Occidentale dello Zimbabwe offre innumerevoli opportunità, che vanno dal Bungee jumping di oltre 100 metri dal ponte ferroviario che collega i due stati al Rafting sulle ripide dello Zambesi e perfino all'immersione con maschera e bombole in una gabbia metallica per vedere da vicino i coccodrilli.. Se invece le emozioni forti non fanno per voi potete optare per escursioni in canoa o a cavallo.

10. Dove alloggiare? Uno dei migliori hotel è senza dubbio il Victoria Falls Hotel, in stile coloniale con un meraviglioso giardino e abbastanza vicino all'ingresso del parco; il luogo ideale per concludere una vacanza e rilassarsi prima di tornare in Italia.


Per scoprire di più su questi luoghi, dai un'occhiata ai post e stories sullo Zimbabwe del Settembre 2017 sulla nostra pagina Instagram @2intour

Vi sono piaciuti i nostri consigli? Leggi anche agli altri articoli e per più foto e video seguiteci sul nostro profilo Instagram @2intour


9 views